Follow us on social

Point notizie e giornalismo glocal indipendente, un network che mette al centro le persone e le storie con report, data journalism e le Voices

Ultime News

Seguici sui Social

Libere di essere, la campagna contro la violenza sulle donne

Condividi sui Social

Conferenza stampa, 25 novembre in occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne del progetto “Libere di essere”. Marco Liorni, Alberto Matano, Tullio Solenghi, Gabriele Cirilli, Ciro Immobile, Gianmarco Tognazzi, Andrea Lo Cicero, Jimmy Ghione: sono solo alcuni dei volti noti e popolari che hanno prestato la loro immagine per diffondere e sostenere la campagna di sensibilizzazione promossa dall’associazione culturale BuuuBall off Colors nell’ambito del progetto sociale contro la violenza sulle donne “Libere di essere”.

Il progetto, ideato da Maximiliano Gigliucci con il sostegno di personaggi della cultura, dello sport e dello spettacolo come segno di partecipazione attiva alla Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, prevede la partecipazione dei ragazzi di tutte le scuole superiori d’Italia, cui è richiesto di realizzare con i loro smartphone video sulle varie tematiche della violenza sulle donne. I lavori potranno essere inviati all’indirizzo mail maxi@buuuball.com, scaricando il bando di partecipazione dal sito www.buuuball.com

Il bando di partecipazione sarà possibile scaricarlo sul sito www.buuuball.com dal 1 gennaio 2021. 

Tra tutti quelli realizzati, una giuria di tecnici del settore selezionerà i migliori. Le categorie sono: regia, interpretazione, montaggio, idea, musica e grafica. I vincitori saranno premiati durante la tavola rotonda che concluderà l’evento di due giorni e si svolgerà presso l’auditorium Paganini di Parma – Capitale della Cultura 2020-2021 – a maggio del prossimo anno (è stato rimandato a causa dell’emergenza Covid). La tavola rotonda sarà moderata da Marco Liorni e vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Roberto Ciufoli e Sandra Milo.

Il progetto Donna, dal titolo “Libere di Essere”, si prefigge di realizzare nella giornata del 25 novembre di ogni anno, la ricorrenza della lotta contro la Violenza sulle Donne, un evento che vuole comunicare l’importanza delle donne nella nostra società. Quest’anno le giornate dedicate saranno due, nel mese di maggio 2021 con dibattiti, interviste, testimonianze, dimostrazioni di autodifesa, proiezioni di video protesta e solidarietà oltre ad intrattenimenti musicali.

Abbiamo intervistato telefonicamente l’organizzatore, Maximiliano Gigliucci, Presidente BuuuBall Off Colors:

In Italia i numeri sono spietati e molto spesso il reato di violenza viene considerato “un fatto di famiglia”, la violenza domestica è un “fenomeno” in forte ascesa.

Purtroppo non li ha fermati neanche il coronavirus quegli uomini che dicevano di amare le donne. Secondo un report delle varie associazioni in collaborazione con gli organismi di controllo della sicurezza, i numeri delle violenze sulle donne sono aumentati del 70% di violenza domestiche e 30% di femminicidi.

Come nasce il progetto “Libere di essere” e cosa vuole comunicare? 

L’iniziativa Libere di Essere, nasce dalla volontà di supportare le donne in difficoltà attraverso varie iniziative con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica anche con il supporto di personaggi dello spettacolo e della cultura che si sono messi in prima linea nel comunicare attraverso video messaggi la nostra linea di battaglia. 

Quest’anno abbiamo scelto di promuovere le nostre iniziative solo con uomini proprio per fare squadra e vogliamo dire che le donne sono anime superiori e fondamentali per renderci grandi. 

Come si svolgeranno le giornate dedicate? 

Le giornate che si svolgeranno a Parma capitale della cultura 2020/2021 nel mese di maggio prossimo per due giorni, vedrà la partecipazione (speriamo attiva) di molti ragazzi, futuro della nostra società attraverso seminari, tavole rotonde, letture, dibattiti e proiezioni. In questo ultimo caso, vedremo dei filmati realizzati dalle scuole di tutta Italia che parteciperanno ad un lavoro di squadra creando dei lavori che parlino delle varie forme di violenza che le donne subiscono. Ci sarà una selezione tramite una giuria di esperti del

Settore (attori, registi, sceneggiatori, produttori, montatori) che ne faranno una selezione ed i più meritevoli saranno premiati durante le due giornate con buoni da spendere per il loro istituto. 

Lascia un Commento

You don't have permission to register