Follow us on social

Point notizie e giornalismo glocal indipendente, un network che mette al centro le persone e le storie con report, data journalism e le Voices

Ultime News

Seguici sui Social

Point Notizie

  /  Culture   /  Life   /  The French Dispatch of The Liberty, recensione del film

The French Dispatch of The Liberty, recensione del film

Condividi sui Social

The French Dispatch of The Liberty, Kansas Evening Sun, questo è il titolo completo dell’ultima opera di Wes Anderson che sarebbe dovuta uscire nel 2020, ma che ha subito più di un rinvio a causa della pandemia. La scorsa settimana è arrivato nelle sale italiane.  

Muore il direttore e fondatore della rivista/inserto The French Dispatch, per sua volontà la pubblicazione viene sospesa, fatta eccezione per l’ultimo numero in cui vengono riproposti tre pezzi d’autore storici insieme a un necrologio. Si tratta di articoli di cronaca che parlano dell’ascesa di un’artista mentalmente disturbato, di una protesta studentesca che scoppia nella cittadina in cui ha sede il giornale e della storia del rapimento del figlio di un commissario di polizia.  

Il film non è tanto una dichiarazione d’amore al giornalismo, come dalle prime dichiarazioni del regista era stato riportato, quanto un omaggio a uno stile editoriale come quello del New Yorker, rivista che ha influenzato e ispirato Wes Anderson quando era più giovane. The French Dispatch, oltre a questo, rappresenta una trasposizione all’ennesima potenza della grammatica cinematografica di Anderson, della sua capacità di creare microcosmi perfetti che nascono e si esauriscono in un paio d’ore scarse. In questo senso la pellicola ambientata nella cittadina francese immaginaria di Ennui-sur-Blasé, ha molto in comune con Le avventure acquatiche di Steve Zissou, opera in cui il regista texano omaggiava il documentarista e oceanografo Jacques Cousteau. La linea che separa la cifra stilistica di Anderson dalla semplice parodia è molto sottile: anche in questo caso il cineasta riesce perfettamente a camminare su questo filo senza cadere mai. 

The French Dispatch probabilmente non è il film in cui Anderson ha dato il meglio di sé, risultando a tratti anche autoreferenziale. Tuttavia, per gli operatori del settore e gli appassionati di un certo tipo di editoria cartacea in via di estinzione, il film rappresenta un vero tuffo nel recente passato che si sta dissolvendo a poco a poco.   

Lascia un Commento

You don't have permission to register